Matrimonio a Brescia: la Franciacorta

Filari di viti a circondare la vostra festa e la romantica vista di un lago allYorizzonte. La scena di un film? No. Una cartolina? Quasi. Lo scenario appena descritto vi aspetta in Franciacorta, in provincia di Brescia, una zona che si estende dal capoluogo bresciano fino allYestremità sud del lago dYIseo.

Come suggerito dal nome, in questYarea, in passato, ai tempi di Carlo Magno, vissero a lungo i francesi , la cui passione per le bollicine, forse, è allYorigine della grande e rinomata tradizione spumantistica del territorio.

Le colline che costituiscono la Franciacorta, sono ricche di storia, come testimoniano le antiche strutture come castelli, abbazie, ville e monasteri. La vegetazione, se così si può dire, è dominata dai vigneti, preziosi e rigogliosi, dai quali nascono alcuni dei migliori vini italiani.

Scegliere di sposarsi in Franciacorta significa scegliere location immerse nella natura, dove il rustico si mescola alla tradizione in modo sobrio ed elegante. Sia le ville che gli agriturismi sono infatti accomunati dal forte senso di appartenenza ad un territorio speciale, di cui gli abitanti vanno orgogliosi.

Borgo Santa Giulia è una delle migliori cantine tra le quali scegliere per organizzare un matrimonio da veri wine lovers. Il portico e la piccola corte vi faranno davvero sentire accolti in un borgo dYaltri tempi.

Per chi ricerca la qualità unità allYeleganza più sobria, il Relais Franciacorta potrebbe essere la soluzione ideale. Spazi raffinati, cucina ricercata, ottimi vini sono alla base dellYofferta per gli sposi.

Altre idee? I due Roccoli, con la sua vista mozzafiato sul lago di Iseo; Villa Calini; la Cantina Bersi Serlini, con il suo stile contemporaneo; Corte Lantieri; la rinomata cantina Contadi Castaldi.

Altri motivi per sposarsi in Franciacorta? La comodità con le vie di comunicazione, tra le quali lYautostrada A4 e lYaeroporto bergamasco di Orio al Serio, per rendere più facile la trasferta anche agli ospiti più lontani.

La distanza è davvero breve anche con un altro luogo di grande fascino e interesse: il lago di Garda, che con i suoi panorami mozzafiato è il modo migliore per iniziare subito la vostra dolcissima luna di miele!

Ancora indecisi? Contattate un wedding planner della zona (per esempio Valeria di Brescia), saprà senza dubbio guidarvi alla scoperta delle bellezze nascoste nella provincia bresciana!

Crema di asparagi verdi bio

Asparago Verde o Asparago Bianco?

Non vi siete mai chiesti perché gli asparagi possono essere di colore diverso? Li avete provati verdi o bianchi? Qual è la differenza? C’è una differenza anche nel gusto? Chi se ne intende sa che la diversa colorazione sta nel metodo di coltivazione. Infatti gli asparagi verdi, cresciuti nel campo sotto il sole, a causa della fotosintesi clorofilliana prendono una tonalità verde. Quelli bianchi invece provengono da un’agricoltura controllata in serra, che non permette il passaggio dei raggi solari e quindi non permette al turione la fotosintesi, facendo rimanere la punta bianca.

Manet e l’asparago.

Conosciuto fin da epoche remote, oggetto di poesie e versi, venerato per le sue proprietà diuretiche, l’asparago viene anche dipinto da Edouard Manet. Siamo nella Francia del 1880 e un ricco banchiere, famoso collezionista e mecenate di quadri, di nome Charles Ephrussi commissiona a Manet una natura morta che raffiguri un mazzo di asparagi. Concordarono un prezzo di 800 franchi, ma il magnate ne volle pagare 1000 affermando che per un dipinto non poteva pagare di meno. Manet decise di sdebitarsi inviando ad Ephrussi un quadro con dipinto un solo asparago, con allegato un bigliettino con su scritto: ”Il en manquait une à votre botte” ovvero ne mancava uno al vostro mazzo.

Come usare la crema di asparagi.

La crema di asparagi verdi biologica è ottima come condimento per paste, risotti profumati, bruschette calde, utilizzata da sola oppure da accoppiare a uova sode.

Che aggiungere? Buon appetito!